Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. 

       Esoterism

Esoterismo   "Se il percorso liberomuratorio
è un approfondimento interiore,
il ricongiungimento del Sé finito
con il suo Principio Divino,
o se vogliamo la reintegrazione
del Sé individuale con il Sé Divino, conseguentemente
il Metodo liberomuratorio
è lo strumento di tale percorso.


Tale Metodo quindi,
e ci riferiamo in particolare al rituale
che ne è l'espressione,
è pur sempre esteriore e trasmissibile mediante delle forme,
esso sarà quindi in effetti sempre e soltanto una 'preparazione' del Libero Muratore
a ricevere il vero insegnamento iniziatico,
che si raggiungerà tramite il risultato
del suo lavoro personale.


Conseguentemente,
il Metodo indica la via da seguire,
ma non è esso stesso 'la via',
il piano da realizzare,
il suo scopo essendo soltanto quello
di disporre l'iniziato ad acquisire l'attitudine mentale
ed intellettuale necessaria
per comprendere dei concetti iniziatici".


Fabio Venzi,
Introduzione alla Massoneria


Esoterismo   "Il centro è,
prima di tutto,
l'origine, il punto di partenza
di tutte le cose;
è il punto principale,
senza forma e senza dimensioni,
dunque invisibile, e, di conseguenza,
la sola immagine che si possa dare dell'unità primordiale.

Da esso sono prodotte,
per irradiazione,
tutte le cose,
come l'unità produce tutti i suoi numeri, senza che la sua essenza
ne riesca modificata
o intaccata in alcuna maniera".


René Guénon,
Simboli della scienza sacra
 


Esoterismo   "La visione ermetica delle cose è basata sull'analogia fra l'universo – il macrocosmo –
e l'uomo – il microcosmo – analogia di cui l'asse o chiave di volta è lo Spirito o Intelletto universale, prima "emanazione" dell'Uomo assoluto.
L'universo e l'uomo si rispecchiano l'un l'altro:
tutto ciò che si trova nell'uno deve anche trovarsi in qualche modo nell'altro.
Si comprenderà meglio tale corrispondenza se la si riconduce,
in certo qual modo provvisoriamente, alla relazione fra soggetto e oggetto,
conoscente e conosciuto: il mondo in quanto oggetto appare nello specchio del soggetto umano: non è possibile percepirlo al di fuori di quest'ultimo, mentre il soggetto, lo specchio, non appare che per ciò che esso riflette; si possono distinguere i due poli,
ma non li si può separare: non esiste oggetto senza oggetto, né questo senza quello…

Si sarà dunque compreso che l'Intelletto universale trascende le facoltà psichiche e mentali; conviene precisare che tale essenzialità gli appartiene sempre e ovunque,
anche quando si manifesta attraverso facoltà o coscienze più o meno limitate o opache,
così come una luce pura rifratta da vetri colorati non cessa di essere in se stessa incolore.
Senza la presenza dell'intelletto, nessuna forma mentale conterebbe un elemento di verità.
Tutto considerato la dottrina ermetica dell'intelletto universale coincide con quella che ci hanno tramandato i Platonici, e si esprime in un linguaggio analogo:
l'Intelletto (nous) – insegna Ermete Trismegisto – deriva dalla Sostanza (ousia) di Dio,
per quanto si possa attribuire a Dio una sostanza,; quale sia la natura di questa sostanza, soltanto Dio può saperlo esattamente.
L'Intelletto non è una parte della sostanza divina, ma ne è l'irraggiamento,
come la luce che scaturisce dal sole.
Nell'uomo l'Intelletto è Dio…L'immagine non potrebbe essere più chiara:
come la luce emana dal sole senza che quest'ultimo ne risenta, l'intelletto procede
dalla sostanza divina senza che questa cessi di essere sovrana e trascendente
rispetto alle sue manifestazioni, e come la realtà della luce e del sole sta interamente nel sole,
di modo che si possa dire che essa non è altro che il sole,

L'Intelletto è in certo qual modo Dio:
nell'uomo, che è il suo specchio cosmico più perfetto, è Dio".


Titus Burchkardt,
Alchimia


Esoterismo  

"Senza dubbio il pensiero massonico
ha debiti verso alcune correnti esoteriche e filosofiche,
malgrado ciò esso non può essere considerato né un eclettismo,
né una forma di sincretismo,
avendo, a mio parere,
le caratteristiche di un progetto totalmente innovativo
che attribuisce un significato nuovo
alle vecchie dottrine.

L'essenza del pensiero massonico, la sua novità,
consiste infatti nel nuovo significato che il tutto impone alle parti
e, soprattutto,
la sua originalità non consiste tanto nel materiale usato
ma nel "disegno" d'insieme.

Se voi fate a pezzi il sistema esoterico-iniziatico liberomuratorio,
sareste in grado di trovare in ogni sua parte,
anche la più piccola,
se non qualche elemento definibile come una vera e propria 'fonte',
comunque un qualche archetipo, o modello, o radice,
ad esso assimilabile.

La Libera Muratoria ha infatti, nei secoli,
costruito la sua filosofia esoterica servendosi ampiamente di elementi già esistenti,
ma la sua originalità sta
nel nuovo significato che il risultato finale
volle imporre alle singole parti".


Fabio Venzi